Le 8 canzoni più spassose di Sanremo

Ciao Maystini!!

Onestamente questo Sanremo, per i miei gusti, ha cominciato malissimo (se si esclude l’introduzione di Fiorello e quell’uomo che si è intrufolato per parlare con il presidente) è stato un mortorio: Favino ha portato qualche sorriso, Baglioni (che mi ricordava il suocero di Barbie) è bravo a cantare ma non a presentare e sembrava quasi ingessato nel muoversi e la Hunziker (gnocca e simpatica sempre) con quel vestito nero e la rosa bianca a sinistra (destra per chi guarda) sembrava una che era appena andata via da un funerale e quella scollatura credo proprio fatta apposta per accrescere il fanservice e l’audience (che ormai è diventata una costante nei programmi televisivi). Dal punto di vista delle esibizioni, canzoni belle .. intense ma troppo “pesanti” e solenni e più che dare allegria onestamente mi mettevano molta tristezza e sia io sia la mia ragazza ci sentivamo come in una marcia funebre. Per questo motivo, ho deciso di celebrare il Festival di Sanremo con voi in modo diverso, parlando delle

 

8 canzoni più spassose di Sanremo! 

 

 

1

LA TERRA DEI CACHI – ELIO E LE STORIE TESE

 

Geniale! Non ci sono altre parole per definire La terra dei cachi canzone rock demenziale composta ed eseguita dai mitici Elio e le storie tese e presentata a Sanremo nel 1996. Incroci di parole, suoni onomatopeici e concetti sociologici intrecciati in maniera strepitosa nel ritornello di “Italia si! Italiano no!” che è divenuta subito un tormentone negli anni a seguire! Attimi di puro divertimento che la platea volevano non finissero mai! Grande Elio e le storie tese! 

 

 

 

2

IN ITALIA SI STA MALE (SI STA BENE ANZICHE’ NO) – PAOLO ROSSI

Presentata a Sanremo 2007 , In Italia si sta male (Si sta bene anzichè no) è un rifacimento della canzone originale cantata da Rino Gaetano di cui, sul placo dell’Ariston, il comico prende ironicamente le sembianze ma in maniera volutamente più caricaturale per enfatizzare tutti i motivi per cui “in Italia si sta bene anzichè no”. La platea – come me- è assoluramente entusiasta ed il comico dà in questa performance tutta la sua potenza espressiva! Fantastico Rossi! 

 

 

 

3

I SOLITI ACCORDI – ENZO JANNACCI E PAOLO ROSSI

Scritta da Enzo Jannacci e cantata a Sanremo 1994 da lui stesso e dal comico Paolo Rossi, I soliti accordi è un allegro ed entusiasmante duetto canoro tra i due comici che, al ritmo di una entusiasmante ballata, ironizzano sul doppio-significato tra “i soliti accordi” nel campo della musica e i soliti “accordi” nell’ambito politico (che in quegli anni aveva visto Tangentopoli). La platea danza e intona la canzone con loro e i applausi sono fragorosi! L’ironia più sottile ed intelligente che si ricordi nella storia del Festival! 

 

 

4

VITA D’INFERNO – BIGGIO E MANDELLI

 

C’è chi apprezza e chi non apprezza questo duo comico, io sono tra quelli che li apprezzano! Il loro stile pur essendo eccessivamente caricaturale e demenziale riesce sempre a strapparmi una risata e questa loro canzone, Vita d’Inferno, presentata a Sanremo nel 2015, mi ha messo molta allegria e come a me, a tutti coloro che quella sera avevano assistito a Sanremo! Biggio e Mandelli sono la prova e la riprova che per vincere e celebrare la musica italiana, come anche per mettere in risalto i paradossi e le contraddizioni di un paese non servono necessariamente brani “impegnati”!

 

 

5

LA PRIMA VOLTA (CHE SONO MORTO) – SIMONE CRISTICCHI

 

Ci sono persone che scaramanticamente scongiurano la morte toccandosi quando passa un auto funebre, mostrando le corna a chi te la augura anche solo per scherzo, o anche non parlandone affatto per non rischiare di attirarla a sè, e poi c’è Cristicchi che ci dedica una canzone! eheh! Ho sempre apprezzato Simone Cristicchi, questo giovane quattrocchi dai capelli arruffati. Ha sempre avuto nelle sue canzoni la capacità di ironizzare ed autoironizzarsi srotolando nelle sue canzoni come in uno scioglilingua parole e figure retoriche consecutive che provocano sempre un sorriso ed una risata! Questa canzone, La prima volta (che sono morto) presentata a Sanremo nel 2013 è assolutamente geniale ed intrisa di ironia e sarcasmo e riesce a far riflettere sulla vita e sui suoi paradossi scongiurando la morte attraverso una risata!

 

6

VASCO – JOVANOTTI

 

“Nooo Vasco!! Nooo Vasco! Ioo non ci caaascoo!!” ancora non riesco a levarmi dalla testa il ritornello di questa spassosissima canzone che Jovanotti ha presentato a Sanremo nel 1989! Questo cantante, sempre giovane dentro, ha una energia positiva immensa e riesce ad attrarre ed attrarmi sempre a sè! E come me, tutti in platea hanno ballato sotto le note di questa canzone pop/rap intrisa di allegria e spensieratezza! 

 

 

7

OCCIDENTALI’S KARMA – FRANCESCO GABBANI

Dopo aver sentito la solita sfirza di belle canzoni dal tono “toccante, solenne, riflessivo, che ti squarcia l’anima” ecco che arriva sul palco Gabbani e quando la musica attacca inizia a cantare e ballare con una scimmia sul palco! Dall’inizio alla fine quelle parole intrise di ironia e sarcasmo sui ritmi frenetici e la vita contraddittoria dell’occidente anziché essere gridate drammaticamente, sono cantate e ballate con una scimmia come a celebrare la vita con allegria e filosofia! Ho sperato con tutto me stesso vincesse, ed ho addirittura partecipato al televoto (cosa per me impensabile!) e poi ha vinto! Sanremo 2017 .. il Festival da ricordare poiché è stato il trionfo della allegria sulla drammaticità e della ironia sulla denuncia e del ballo sull’urlo di amore ed odio disperato!

 

 

8

VOGLIO L’ERBA VOGLIO – FRANCESCO MAGNI

Voglio l’erba voglio è una canzone cantata e scritta dal cantautore italiano Fracesco Magni e presentata a Sanremo nel 1980.

E’ una sorta di allegra ballata in cui l’autore ironizza su se stesso, sulla sua vita e sulla vita delle altrui persone con un tono apparentemente puerile ma che in realtà ha in sé una profonda e poetica profondità, che fanno di Magni un vero e proprio poeta e cantastorie contemporaneo!

 

 

 

 

E voi? Quali di queste canzoni sanremesi vi è piaciuta di più? Quale aggiungereste o levereste dalla mia lista? Fatemelo sapere nei commenti e sui social!!

 

UN ABBRACCIO MAYSTINI!!

Seguimi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *